Portò cellulare a detenuto, cappellano Alghero ai domiciliari

casa circondariale sardegna

Il cappellano del carcere di Alghero è agli arresti domiciliari con l’accusa di aver introdotto un telefono rintracciato la scorsa estate nella disponibilità di un detenuto, a carico del quale è stata disposta la misura cautelare dell’arresto in carcere.

LEGGI ANCHE: USAVANO CHAT DI GRUPPO PER SPACCIARE DROGA E SCAMBIARSI VIDEO PEDOPORNOGRAFICI, ARRESTI IN SARDEGNA

Le indagini della polizia penitenziaria in servizio ad Alghero, coordinate dal sostituto procuratore di Sassari Laura Senatore e supportate dal nucleo investigativo regionale della polizia penitenziaria, hanno permesso di appurare che era proprio il prete il canale attraverso cui il cellulare e altri oggetti non consentiti erano venivano introdotti nel carcere di via Vittorio Emanuele in cambio di quelle che le fonti investigative definiscono “interessenze di varia natura” con i detenuti. (ANSA)

Condividi questo articolo:

Commenta l'articolo sulla pagina Facebook del Tamburino Sardo

commenti


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.iltamburino.it/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 326