Disposizioni e regole per i bar, i ristoranti e le pizzerie da oggi 18 maggio

Il Presidente della Regione, Christian Solinas, ha firmato ieri notte l’ordinanza che prevede le nuove regole in vigore da oggi per ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie. Il ritardo della pubblicazione è stato causato dal ritardo che il dpcm del Presidente Conte è stato firmato solo nel tardo pomeriggio di ieri.

Sull’intero territorio regionale è obbligatorio l’uso delle mascherine in tutti i locali aperti al pubblico. Tale obbligo vige anche nei luoghi all’aperto laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di almeno un metro. A partire da oggi, cessano di avere effetto tutte le misure limitative della circolazione all’interno del territorio regionale.

I tavoli dovranno essere disposti in modo da garantire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro di separazione tra i clienti. Questa distanza può ridursi nel caso in cui vengano utilizzata barriere tra i diversi tavoli.

Si potrà consumare al bancone solo se si potrà far rispettare la distanza di un metro.
Il rilevamento della temperatura all’ingresso non è obbligatorio, ma la disposizione regionale ne dà la possibilità. Gli igienizzanti dovranno essere posti in diversi punti del locale, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici.

Nelle attività che prevedono posti a sedere, dovrà essere privilegiato l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato, per un periodo di 14 giorni. In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere. Nei luoghi senza posti a sedere consentire l’ingresso a un numero limitato di clienti per volta.

Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima di ogni servizio al tavolo. Anche per i clienti, “tutte le volte che non sono seduti al tavolo”.

La consumazione a buffet non è consentita.

Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.

La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, possibilmente al tavolo.

I clienti dovranno indossare la mascherina tutte le volte che non si è seduti al tavolo.

Al termine di ogni servizio al tavolo andranno previste tutte le consuete misure di disinfezione delle superfici, evitando il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati (saliere, oliere). Per i menù favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere.

Nell’ambito delle riaperture previste dal 18 maggio e nel rispetto delle regole della distanza interpersonale e per il contrasto al coronavirus, anche i circoli possono riniziare le loro attività.

Disposizioni per spiagge e stabilimenti balneari

Disposizioni negli alberghi e nelle altre strutture ricettive

Disposizioni e regole per barbieri, estetisti parrucchieri

Disposizioni e regole nei negozi al dettaglio e nei mercati

Disposizioni e regole negli uffici pubblici

Disposizioni e regole nelle piscine

Disposizioni e regole nelle palestre

Disposizioni e regole nei musei e nelle biblioteche

Condividi questo articolo:

Commenta l'articolo sulla pagina Facebook del Tamburino Sardo

commenti