Tre casi di intossicazione da funghi. Invito alla prudenza

sardegna intossicazione funghi Ispettorato Micologico sassari ozieri

Pericolo intossicazione funghi

Nei giorni scorsi gli operatori dell’Ispettorato Micologico della ASSL Sassari sono intervenuti in seguito a tre intossicazioni dovute al consumo di funghi. Contattati dai sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale Santissima Annunziata di Sassari e dell’Ospedale Civile di Alghero, i micologi hanno effettuato gli esami di competenza, individuando come responsabile degli avvelenamenti una specie di funghi appartenenti al gruppo “Agaricus Xanthodermus”, dei prataioli tossici: si tratta di funghi facilmente confondibili con i prataioli commestibili. In tutti e tre i casi, l’ingestione ha provocato una sindrome gastroenterica caratterizzata da dissenteria, vomito e dolori addominali.

Per prevenire il rischio di intossicazioni, si invitano i raccoglitori a recarsi presso l’Ispettorato Micologico per sottoporre a un controllo i funghi raccolti. La consulenza è gratuita e il servizio è reso a tutti gli utenti, indipendentemente dal luogo di residenza o dalla località di raccolta. In seguito all’esame dei funghi, l’Ispettorato Micologico rilascia una certificazione con eventuali consigli o avvertenze per il consumo.

Le sedi dell’Ispettorato Micologico della ASSL Sassari si trovano a Sassari, Alghero e Ozieri:

  • a Sassari, in via Rizzeddu 21/B, l’ufficio è aperto il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 12 alle 13:30; è inoltre possibile concordare un appuntamento chiamando i numeri: 348.5455906 – 079.2062889;
  • ad Alghero, via Sanzio 1, per concordare l’appuntamento chiamare il numero: 079.9955686;
  • a Ozieri, in località San Nicola, l’ufficio è aperto il lunedì dalle 8:30 alle 11; i numeri per concordare un appuntamento sono: 079.785300/09 – 347.3779432.

In caso di insorgenza di disturbi dopo il consumo di funghi, occorre recarsi immediatamente al pronto soccorso o all’ospedale più vicino. Per consentire ai micologi di effettuare le analisi macroscopiche e microscopiche e per facilitare il processo di diagnosi, è opportuno portare con sé un residuo dei funghi consumati durante il pasto.

Condividi questo articolo: