Striscione per ricordare la Vittoria dell’Italia nella Grande Guerra

I militanti dello Spazio Identitario Domus Turritana, in concomitanza della giornata della Vittoria, hanno voluto ricordare il sacrificio degli italiani durante la prima guerra mondiale attaccando uno striscione nella Scuola Media n° 12, intitolata alla gloriosa Brigata Sassari.

Nel pomeriggio di ieri, gli stessi militanti hanno partecipato alla commemorazione dei Caduti della Brigata Sassari in piazza Castello, organizzata dal circolo Audax, legato a Fratelli d’Italia.

La Brigata “Sassari” ha avuto un alto numero di vittime, quasi il 14% degli effettivi, corrispondente a 3817 tra morti e dispersi, e 9104 tra mutilati e feriti.

La Brigata è stata ricostituita due volte e per rigenerarla furono trasferiti nelle sue file i soldati sardi che militavano in altri reggimenti.

È anche un reggimento con un altissimo numero di medaglie, conferite per il merito sul campo di battaglia: sei Ordini Militari di Savoia, tredici Medaglie d’oro al valor militare, di cui 9 ad ufficiali e soldati, due alla bandiera del 151º Reggimento e due alla bandiera del 152º Reggimento (l’ottenimento nell’arco di una sola campagna di guerra di due medaglie d’oro alla bandiera per ciascun reggimento è una particolarità di cui si può fregiare solo la Brigata nella storia dell’Esercito italiano).

A queste si aggiungono 405 medaglie d’argento, 551 medaglie di bronzo,
quattro citazioni speciali sui bollettini del Comando Supremo, una citazione all’ammirazione dell’Esercito e della Nazione dal Comandante del Gruppo speciale di retroguardia dell’Esercito Tenente Generale Antonino Di Giorgio, per l’abnegazione e l’eroico contegno tenuto durante la ritirata sul Piave, i”drappelle reali” (scudo sabaudo e stemma di Sardegna) conferite motu proprio dal Re alle fanfare dei due reggimenti come riconoscimento delle speciali benemerenze acquisite in guerra.

Al corpo è stato anche concesso il mantenimento in servizio permanente, alla cessazione delle ostilità, come riconoscimento per il valore dimostrato in guerra.

Condividi questo articolo: